Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.

Vinaora Nivo Slider 3.x

Luoghi

 

Appunti distratti di viaggio

 

 

 

 

         Fantasioso incontro in Val Brevenna (Genova)

 

 

Ho appuntamento con lei vicino alla chiesa del ponte di Senarega. Sto arrivando, sono un po’ in ritardo; mi spiace aver fatto aspettare una dama del suo calibro…

 

 

Eccola! E’ sul ponte. Mi fa un cenno con la mano. Per fortuna non sembra spazientita.

 

La prima cosa che noto è il suo abito; proprio un vestito medievale come lo sognavo da bambina, sfogliando certe pagine di storia del costume. E’ una veste aderente al busto e morbida nella parte inferiore con maniche ampissime! Soprattutto mi piace il colore: un bel verde, lo definirei smeraldo (spero di non sbagliare!). Non so il suo nome; per me è solo la “castellana di Senarega”.

La mia accompagnatrice in questo minitour in Val Brevenna è ansiosa di farmi conoscere il suo paese. Per cominciare ci avviciniamo alla chiesa della Madonna del Ponte.

 

 

 

 

 Intanto scatto una foto ricordo del ponte, cercando di catturare l’essenza di ogni pietra.

 

 

 

Ops… Mi distraggo a guardare le margherite. Da un po’ di tempo in qua ho uno strano debole per i fiori… Con dolce fermezza la castellana mi suggerisce di rimandare le divagazioni floreali perché ha tante cose da dirmi…

 

 

 

In fondo ha ragione… Mi racconta che la cappella ha origine nel Seicento quindi, sue testuali parole, “è molto più giovane di me!”. Ma in fondo ormai lei si considera superiore a certe sottigliezze…

 

 

 

Ci avviciniamo poi a dei massi dove la mia guida mi fa notare delle antiche scritte, spiegandomene l’origine. Wow! Questa è proprio una storia interessante; prendo appunti con cura per non dimenticare.

 

 

 

E’ il momento di allontanarci. Ancora uno sguardo al pronao!

 

 

 

 

Passiamo davanti al pioppo monumentale; la castellana mi racconta che tanti vengono anche da molto lontano proprio per vedere quest’albero e che ognuno si porta via un’emozione.

 

 

 

Ora siamo in piazza: la castellana è orgogliosa di mostrare il luogo che ama in cui lo scorrere del tempo ha lasciato pochissime tracce, proprio come sul suo volto. Infatti l’unica cosa antica della signora è l’abito, per il resto sembra dotata di eterna giovinezza.

 

 

Sapendo di farmi piacere mi fa notare la cassetta per lettere delle “Regie Poste”…

 

L’antico oggetto scatena la memoria secolare della mia accompagnatrice, mi racconta con coinvolgimento di persone ed episodi legati a Senarega. In qualche momento la commozione si insinua tra le sue parole.

 

 

 

 

Siamo davanti alla chiesa, dedicata all’Assunta. Devo ricordarmi di tornarci per il 15 agosto!

 

 

 

Una porta ed altri particolari del paese accendono la mia curiosità, che la mia guida prontamente soddisfa.

 

 

 

 

Ci avviciniamo alla lapide in onore dei Caduti della Prima Guerra Mondiale. Mi ricordo bene di loro! (http://pietracasuale.it/index.php/categorie/miscellanea/127-ragazzi-di-senarega)

 

 

 

 

La castellana mi invita a guardare qualcosa. Ah ecco, vuole farmi notare una scritta.

 

Bella frase (di Gabriel Garcia Marquez), mi sa che la metterò su Facebook!

 

 

 

Adesso andiamo a vedere l’oratorio di San Giovanni Battista. La mia accompagnatrice, che ben conosce i miei interessi, mi racconta il legame dell’edificio con la storia dell’emigrazione.

 

 

Anche il necroturismo occupa un posto di riguardo tra le mie passioni, quindi eccoci al cimitero di Senarega.

 

 

 

Una croce in marmo dai dettagli curati mi racconta di Giovanni Rossi, un negoziante integerrimo che nel marzo 1888 a 71 anni è mancato alla moglie dolente.

Una lapide mi propone di recitare un Requiem; è quella di Caterina Navone che nel 1871 ha lasciato marito e figlio.

Dei fiori incisi sul marmo mi invitano a ricordare Angela Rossi che nel primo giorno del 1898, all’età di 78 anni, ha raggiunto in cielo il marito Giovanni.

Dal 1901 i figli piangenti augurano riposo al nobile cuore Giovanna Armanino.

L’alfa, l’omega e il chrismon accompagnano nel marmo il nome di Angela Navone, nativa di Cerviasca, vissuta tra il 1813 e il 1855.  Sempre di Cerviasca, con una tomba simile è Antonio Navone, per il quale ho uno sguardo particolare essendo morto il 19 settembre (cioè il giorno del mio compleanno!) del 1867.

Un saluto anche a Maddalena Navone, della stessa epoca e dello stesso paese!

Un’epigrafe mi racconta del dolore del marito di Pasqualina Navone, nativa di Roiale, morta a Cerviasca nel 1917.

Una tomba mi commuove in particolare, è quella alla memoria di un disperso in Russia: il tenente Pino Navone, nato il 18 luglio 1818.

Altra commozione arriva leggendo l’epitaffio di Rosa Navone che dopo lunga malattia sofferta con cristiana rassegnazione spirava nel bacio del Signore il giorno 26 ottobre 1887 nell’età di soli 35 anni, lasciando perenne memoria di sue virtù in quanti la conobbero.

Una croce sul marmo ricorda, simboleggiando il dolore dei figli, Giovanni Armanino, morto a Roiale a 64 anni nel 1905.

Un’altra tomba mi fa sentire l’eco delle preghiere di parenti ed amici dei coniugi Maria e Giovanni Armanino, morti negli anni Settanta dell’Ottocento.

Qualche anno dopo il cielo ha chiamato Margherita e Giuseppe Navone, vissuti nel lavoro.

La sepoltura di Maddalena Navone, defunta nel 1923, ricorda che la donna ha dedicato tutta la sua vita all’amore della famiglia.

Osservo con interesse una ghirlanda di fiori sulla lapide in cui si legge: caro ricordo di Armanino Santina - donna di elette virtù - fu sposa e madre esemplare – dal cielo ove godi il premio delle tue virtù benedici il consorte ed i figli che lasciasti inconsolabili.

Il volto di Rosa Navone, dopo una vita di lavoro e famiglia, osserva i visitatori in una foto sbiadita dal 1940.

Margherita Rossi, morta nel 1890, fu esempio di materno amore e, seguendo l’invito della sua lapide, prego per la sua anima.

Una piccola lastra di marmo mi porta a incontrare una bambina, o meglio, un angioletto, Tina Navone, volata in cielo nel 1927 a 15 mesi.

 

 

Mi rivolgo alla castellana e colgo un velo di lacrime sul volto prontamente sostituito da un lieve sorriso. Ci allontaniamo dal cimitero e la mia accompagnatrice mi chiede di essere fotografata, mettendosi in posa vicino a un’altalena.

 

 

 

Camminando su un acciottolato ci avviciniamo ad un arco.

 

 

 

 

Un’occhiata ai tetti di Senarega….

 

La castellana mi dice che è finito il tempo in cui può stare con me, mi saluta con un gesto gentile e si avvia verso la sua dimora.

 

 

 

 

E adesso io potrei andare a vedere il museo!

 

 

 

Fotografie scattate il 27 maggio 2020

 

 

 

Per saperne di più

 

 

 

www.trattoriailpioppo.com/

 

www.genovatornainvilla.net/

 

www.museoarcheologicoaltavallescrivia.it/in-valle-scrivia....html

 

 

         Il “Santuario principe della ligure terra” (Benedetto XV) a Ceranesi

 

 

Sono alla cappella dell’Apparizione; qui tutto è cominciato 530 anni fa…

 

Per chi, come me, è appassionato di antiche carte, all’interno è visibile il documento notarile che ricorda l’incontro del pastore Benedetto Pareto con la Vergine.

 

 

La statua di un sacerdote inginocchiato ricorda una notte di preghiera passata qui da don Luigi Orione nel 1932. Quante volte avrei voluto stare al suo fianco a chiedere grazie!

 

 

 

 

 

 La targa che fa memoria dell’evento termina con una frase, da me amatissima, del Cardinal Siri relativa a questo luogo:

 

“Tutti i segreti arrivano alla Guardia,

tutte le tragedie si risolvono alla Guardia”

 

 

 

Questa piccola statua, che sembra fuggita da una tomba infantile, mi è molto cara e mi ricorda tutti gli angioletti a cui dedico tempo e preghiere.

 

 

 

 

La mano di Maria saluta, come quella del suo bimbo, ricordando che in questo luogo tutto parla di lei.

 

 

 

Il piazzale davanti al Santuario, uno spazio gioioso per bambini e non solo.

 

 

 

 

 

Una targa per ricordare chi è stato in Russia nella Seconda Guerra Mondiale. Ci sono stati anche mio papà e suo fratello; è come se una parte della mia storia familiare fosse qui alla Guardia…

 

 

Il Santuario è pronto ad accogliermi.

 

 

 

 

Nella sala degli ex voto vivo l’occasione di conoscere la storia, non solo della devozione, da una prospettiva particolare.

 

 

Nei quadri vivono per sempre mezzi di trasporto, arredi e abbigliamenti che testimoniano, oltre alle grazie ricevute, un passato genuino, difficilmente individuabili in altre fonti.

 

 

 

 

 

Un mio omonimo sembra volermi salutare dal passato.

 

 

La Grande Guerra, per “deformazione di interessi storici”, mi fa notare gli ex voto che la riguardano.

 

 

Leggo i nomi di soldati del secolo scorso, come se fossero quelli di vecchi amici.

 

 

 

 

Mi incantano la Madonna, l’arcobaleno, le montagne e i soldati bisognosi di protezione.

 

 

Una vetrinetta mi ispira una particolare tenerezza, quella che raccoglie i simboli di ringraziamento per una gioia tanto desiderata regalata dal cielo.

 

Ecco il luogo del Santuario dove la preghiera mi sembra farsi più intensa, incarnandosi nelle candele accese da fedeli di ogni età.

 

Termino con l’altare dei bambini, che mi ha già regalato emozioni.

 

 

Fotografie scattate il 21 giugno 2020

 

Per saperne di più:

 

http://www.santuarioguardia.it/

http://www.italiavotiva.it/category/pubbl/italia/sett/lig/provge/guardia/

 

         Su una spettacolare costruzione ottocentesca a Genova

 

Ci sono già stata, concentrandomi soprattutto sul Cimitero di Staglieno; questa volta cerco altri dettagli.

Arrivo al ponte sifone da Via delle Ginestre attraversando la galleria che ha un’aria misteriosa, lasciandomi guidare dalla luce che attende in lontananza.

 

 

Al termine del percorso gli occhi si preparano ad incontrare tracce di storia, ansiose di farsi conoscere.

 

 

 

Un anello arrugginito vicino all’uscita ricorda che il tempo lascia le sue tracce…

 

 

 

…come su un altro reperto metallico poco distante.

 

 

 

La natura s’insinua tra le crepe del muro.

 

 

 

 

Ogni pietra vuole essere osservata, reclamando attenzione.

 

 

 

 

 

Il pavimento non è da meno….

 

 

…ma sono più sensibile al richiamo del verde, il colore che abita spesso i miei sogni.

 

 

 

 

Ma questo impianto dal passato glorioso richiede sguardi attenti, anche nei dettagli più nascosti.

 

 

 

 

 

Guardare il cimitero di Staglieno dalla ringhiera mi offre una prospettiva sconosciuta di un luogo ben noto.

 

 

 

 

L’ombra della ringhiera è vanitosa e si mette in posa!

 

 

 

Ma io preferisco un albero e il cielo!

 

 

 

Mi incuriosiscono i particolari del ponte, pur non comprendendoli.

 

 

 

 

La chiesa di San Bartolomeo mi porta alla mente una sua antica immagine.

 

 

 

Il verde vince sul grigio.

 

 

Mi distrae dai dettagli la chiesa di Sant’Antonino e, non so come, mi sembra di ascoltare una poesia in lontananza…

 

 

 

 

 

Poi lo sguardo spazia…

 

 

…per arrivare al ponte di Sant’Antonino che dialoga con quello dell’autostrada…

 

…e con la chiesa omonima.

 

Anche il tubo arrugginito del ponte sifone vuole inserirsi nella compagnia!

 

Poi un arbusto vuole fare il protagonista…

 

…come qualcun altro.

 

Non mi ero accorta dei palazzi moderni in lontananza, eccoli!

 

 

Le macchie sul muro pretendono attenzione, vogliono essere contate una ad una!

 

Ora provo a contare le tombe del cimitero inglese…

Ci vorrà un bel po’!

 

 

Fotografie scattate il 14 giugno 2020

 

 

Per saperne di più:

 

http://www.aeguafresca.it/

http://www.acquedottogenova.altervista.org/221-PONTI.htm

 

         Cercando personalissime e fantasiose emozioni nel borgo del Ponente Ligure

 

 

 

Apricale, il luogo che mi ospita compare in questo murale, sembra proteggere dall’alto le quattro contadine impegnate nel raccolto.

 

 

 

Una donna prepara un cestino; ricordo di aver già visto compiere questo gesto, ricco di sapienza vecchia di secoli.

 

 

 

 

I buoi riposano; osservarli è come ascoltare un’antica poesia…

 

 

Mi sembra di conoscere quest’uomo seduto con bastone; credo sia un mio antenato, finito per caso in un murale.

 

 

 

 

 

Un volto mi rivela tante angosce, ricordandomi un quadro famoso.

 

 

 

Vorrei essere lei, a riposo serena, dopo un faticoso lavoro nella natura.

 

 

 

Una dama e un cavaliere mi raccontano una storia da unire alle tante che in questo luogo si possono ascoltare.

 

 

 

Anche questo bambino certamente potrebbe avere tanto da dire, gli sorrido allontanandomi.

 

 

 

Un’istantanea della vita dei campi…

 

 

 

Una donna con il suo bambino viaggia verso Apricale che li attende in alto.

 

Forse questo è un bambino appena nato; la levatrice gioiosa mostra il dono prezioso agli uomini di casa. La neo-mamma non si vede perché sta riposando, dopo aver vissuto la gioia più grande della vita.

 

 

 

Con questo murale mi muovo nello spazio e nel tempo; vedo un mio avo che in un’isola lontana da qui passava la vecchiaia davanti all’uscio di casa.

 

 

 

Una “pausa pranzo” ricca d’amore e tradizione.

 

 

 

Una mamma incontra un’amica, le chiede preghiere per il suo bimbo malato.

 

 

 

 

Una sposa va verso il suo futuro, sotto lo sguardo benevolo di una Madonnina.

 

 

 

Forse questa è proprio la sposa dell’altro murale con il suo uomo, in un altro momento.

 

 

 

Bambini che, giocando, disegnano sul muro. Ho una particolare simpatia per il piccolo che ha appena fatto un trenino; mi ricorda qualcuno che non vedrò più…

 

 

L’Antico Egitto catapultato in Val Nervia!

 

 

 

La gioia di vivere, in azzurro.

 

 

 

Questi fiori sono il dono di un innamorato, una promessa di felicità.

 

 

 

Anni fa questo cavaliere mi ha affascinato, sono tornata per incontrarlo ancora.

 

 

 

 

Per saperne di più:

 

/www.apricale.org/

 

 

 

Tags:

 

         Una passeggiata nel paese dell’entroterra ligure “incontrando” abitanti del passato

 

 

Come mi capita spesso, inizio il mio percorso dal cimitero.

 

 

Mi accoglie una croce in marmo; l’iscrizione alla base me ne racconta l’origine:

 

DEO OPTIMO MAXIMO

 

LE CONFRATERNITE

DI SANTA MARIA DEL SUFFRAGIO

E DI SAN FILIPPO NERI

DELLA PARROCCHIA

SANTISSIMA TRINITA’

 

 

Mi avvicino alla tomba della beata Chiara Luce Badano; è una visita che sognavo da tempo, da quando ho letto una sua biografia, donatami da una cara amica.

Una lettura può generare legami profondi; mi approccio quindi con familiarità a questa giovane, raccomandandomi con fiducia alle sue preghiere.

 

Soddisfatto il lato spirituale di questa giornata, vado a curiosare nel paese, seguendo la strada che mi porta verso il centro.

 

 

 

Una targa pretende la mia attenzione e mi racconta di un personaggio, sacerdote e naturalista, sul quale cercherò di sapere di più:

 

 

QUI LE VESTIGIE

DELLE EPOCHE GEOLOGICHE E PREISTORICHE

DEL SUOLO SASSELLESE E LIGURE

COMPOSE E ILLUSTRO’

IL NATURALISTA

DON DEO GRATIAS PERRANDO

1817 – 1880

 

 

 

Vedo anche la targa del Museo Perrando; spero di visitarlo presto!

 

Continuo a seguire la strada…

 

 

 

Alzo gli occhi e mi colpiscono le accurate decorazioni intorno alle finestre.

 

Cerco altri dettagli nel cammino…

 

 

 

…e scopro, con gioia, un pannello che mi racconta di un antico ospedale con una curiosa particolarità.

 

 

La strada mi invita ancora a percorrerla.

 

 

 

Un archivolto potrebbe raccontare tante storie.

 

 

 

Ecco, sto arrivando alla piazza!

 

 

 

 

 

Mi accoglie la Basilica dell’Immacolata Concezione, invitandomi a visitarla.

 

 

 

Poco dopo una targa mi ricorda valorosi uomini del passato.

 

 

 

VIVRA’ PERENNE NELLA MEMORIA DEI SASSELLESI

IL NOME DI ERNESTO DANIA SOTTOTENENTE DI FANTERIA

DI GIOVANNI VIGLIONE SOTTOTENENTE MEDICO

E DI BERNARDO ZUNINO SOLDATO

CHE IN OBBEDIENZA ALLE LEGGI

NON VINTI MA SOPRAFFATTI DAL NUMERO

CADDERO NELLA BATTAGLIA DI ADUA

MOSTRANDO CHE L’ANTICA VIRTU’

NE’ PETTI ITALIANI NON E’ MORTA MAI

 

 

 

 

Ovviamente altri caduti richiamano la mia attenzione

 

 

 

 

 

 

Allontanandomi dalla piazza incontro un altro sassellese illustre!

 

 

IN QUESTA CASA

GEROLAMO BADANO CARMELITA

CELEBERRIMO MATEMATICO

EBBE I NATALI

IL 23 GENNAIO 1773

………………………..

 

GENOVA DOVE EGLI MORIVA

NELL’ANNO 1847

GLI ERESSE STATUE.

I SUOI CONCITTADINI

QUESTO RICORDO

GLI DECRETAVANO

NEL 1885

 

 

La matematica proprio non mi ha mai appassionato, onoro comunque questo suo cultore.

 

Poco distante una meridiana con la sua frase, di cui voglio ricordarmi a lungo, mi illumina la giornata!

 

 

 

 

 

 

Tags:

Info

Questo blog non costituisce una testata giornalistica. Non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo le disponibilità e la reperibilità dei materiali.

Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 2001.

Novità

22 Settembre 2022
21 Settembre 2022
19 Settembre 2022

Search